• 173
  • 0

L’estate è una stagione molto importante per la nostra pelle, soprattutto per quella del viso che va aiutata con dei trattamenti viso specifici. Infatti, è bene prepararsi all’esposizione al sole che la sottopone a un notevole stress. I raggi UV che minacciano la cute possono rilasciare enzimi aggressivi in grado di degradare i tessuti nel giro di poco tempo. Inoltre durante la bella stagione, generalmente, ci si trucca di meno e quindi la pelle del viso risulta più esposta agli agenti atmosferici e allo smog.

Chirurgia estetica: come prepararsi per l’estate

La foto-esposizione della pelle del viso durante i mesi estivi impone una maggiore protezione, che parte da un’alimentazione adeguata con frutta e verdure di stagione ricchi di vitamina D (albicocche, carote, meloni e cicoria), con l’utilizzo di fotoprotettori ma soprattutto con trattamenti estetici ad hoc che siano idratanti, non invasivi e che non richiedano lunghi periodi di attesa per valutarne i risultati. Per preparare la pelle del viso in maniera adeguata, consigliamo in particolar modo alcuni trattamenti specifici.

Trattamenti correttivi e trattamenti curativi: facciamo chiarezza

In estetica, la differenza tra trattamenti correttivi e curativi è fondamentale. Tra i correttivi più richiesti troviamo i filler botox e i fili di trazione.

Tali trattamenti danno un miglioramento immediato agendo sul riempimento delle rughe con filler riassorbibili a base di acido ialuronico o idrossiapatite di calcio.

Il filler, dall’inglese “to fill” (riempire), è una sostanza in grado di riempire il vuoto dei tessuti e ridurre così la profondità delle rughe o conferire un maggior volume a labbra o zigomi. La tecnica del filler acido ialuronico consiste nell’iniettare piccolissime dosi di acido ialuronico direttamente nel derma o nel tessuto sottocutaneo della parte interessata mediante una siringa dotata di un ago sottilissimo, facendo sì che la pelle torni ad essere tonica e compatta. Questo trattamento è in generale il più indicato se si vuole intervenire in maniera precisa su alcuni inestetismi, come piccole rughe, barcode, zigomi, ma rappresenta anche una valida alternativa alla rinoplastica, poiché consente di intervenire sul naso allineandone il profilo. Il filler non ha controindicazioni relativamente al periodo estivo, sebbene è sempre utile evitare l’esposizione diretta ai raggi UV per qualche giorno dopo il trattamento.

Il botox, allo stesso modo, ha un’azione sulle rughe di espressione, sebbene la sua durata sia limitata a circa 6 mesi dal trattamento.

Anche i fili di trazione danno un miglioramento immediato alle rughe e un bellissimo effetto lift ma, anche in questo caso, il prodotto è completamente riassorbito in 6-8 mesi.

Proprio per queste ragioni, è più opportuno intervenire con trattamenti che stimolano il ringiovanimento della pelle, piuttosto che effettuare trattamenti correttivi ma di breve durata.

La biorivitalizzazione viso, nota anche come biolifting, è una cura estetica del viso non invasiva. Si tratta di una sorta di lifting non chirurgico che restituisce elasticità e tono ai tessuti cutanei. Questo innovativo trattamento di medicina estetica consiste nella iniezione di una serie di farmaci bio-stimolanti (come l’acido ialuronico puro), sali minerali e vitamine (A, B3, B5 B6, B12, C ed E) allo scopo di favorire la sintesi del collagene e di idratare in profondità la pelle, ripristinandone l’equilibrio naturale e garantendo al viso un aspetto fresco e levigato. La biorivitalizzazione viso è oggi uno dei trattamenti estetici viso più in voga e differisce dalle altre tecniche come il peeling chimico (con acido glicolico, acido salicilico, acido mandelico, ecc.), in quanto non presenta alcun tipo di controindicazione o effetto collaterale.

La stimolazione può essere effettuata con tecniche più o meno invasive, in funzione dell’inestetismo e dell’età del paziente. Alcune biostimolazioni sono rappresentate da infiltrazioni con aghi sottilissimi e consentono un’immediata ripresa delle proprie attività quotidiane. Nei soggetti agofobici, invece, è possibile intervenire con sistemi di biorivitalizzazione che non prevedono l’uso di aghi. Il trattamento per eccellenza che può essere effettuato tutto l’anno, anche prima dell’esposizione al sole, è l’esclusivo peeling PRX T33.

Il peeling PRX T33 dona immediatamente alla pelle luminosità grazie all’azione dell’acido tricloroacetico ad alta percentuale. Inoltre, grazie alla sua azione tamponata, tale peeling non crea bruciature (frost) ma solo una leggera e progressiva esfoliazione. Durante il trattamento, tale componente scende in profondità nel derma fino a stimolare in maniera molto efficiente i fibroblasti per la produzione di nuovo collagene, con un risultato liftante ben evidente e progressivo, anche e soprattutto nei mesi successivi. Il Prx T33 è particolarmente consigliato come preparazione all’esposizione al sole.

Tra gli iniettabili biostimolanti, risultati sorprendenti si ottengono con l’acido ialuronico libero. Tale trattamento è da eseguire una volta al mese per 3 mesi e consente di dare immediato turgore ma anche grande luminosità al viso grazie al potente effetto idratante dell’acido ialuronico. Il prodotto più consigliato per questa tipologia di trattamento è Restylane Vital.

Per inestetismi di maggiore importanza invece i trattamenti più consigliati sono rappresentati dall’idrossiapatite di calcio Radiesse, indicato per pelli molto rugose, dall’acido polilattico, più indicato nei casi di grande perdita di tonicità, di volume e in caso di lassità cutanea. Sono tutti trattamenti che sono molto consigliati prima della esposizione al sole poiché la pelle risulta più pronta all’azione dannosa provocata dal sole.

Effettuare un ciclo di biorivitalizzazione viso prima dell’estate consente dunque di preparare la pelle all’esposizione al sole: il trattamento infatti favorisce il riequilibrio della normale condizione fisiologica della pelle e la sua riattivazione cellulare, stimolando il microcircolo e favorendo il turn-over cellulare. Il risultato è una pelle levigata e luminosa, pronta all’estate, periodo in cui si fa meno uso di make-up. La biorivitalizzazione è raccomandata anche dopo la fine dell’estate, per ripristinare l’equilibrio fisiologico del derma.

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Salve!
Come possiamo aiutarti?